Seleziona Pagina

Realizzazione siti web

Come creare immagine forense Android con ADB

da | 5 Lug 2020 | Mobile

In questo articolo andremo a vedere come creare un’immagine Forense di Android con il metodo ADB (Android Debug Bridge), prima di tutto occorre essere in possesso di un computer ed avere installato il software ADB. Successivamente avremo bisogno di un dispositivo Android con i permessi di Root abilitati. Nell’esempio ho utilizzato KingRoot; un’app che permette di eseguire il root con pochi click.

Occorrente

  • Computer Windows o macOS
  • Dispositivo Android
  • MicroSD
  • Permessi di Root
  • Software ADB

Cos’è un’immagine forense

Un’immagine forense è semplicemente un clone della memoria di un dispositivo che di solito viene utilizzata per il recupero dati o in ambiti giudiziari.

Come crearla

Per iniziare dobbiamo abilitare l’Opzione Sviluppatore sul dispositivo Android e per farlo occorre andare nelle “Impostazioni“, selezionare “Info sul dispositivo” e cliccare per 6 volte sulla voce Versione Build. Se avete seguito correttamente i passaggi nella schermata principale delle impostazioni comparirà una nuova opzione chiamata “Opzione Sviluppatore”; entriamoci e abilitiamo il “Debug USB”. Non ci resta che scaricare  (dal dispositivo Android) l’app KingRoot da questo indirizzo, eseguiamola e nelle impostazioni clicchiamo su “Autorizzazioni Avanzate”, poi su “Permessi di Root” e consentiamo il programma ADB a KingRoot.

Colleghiamo il dispositivo Android al nostro computer via USB, successivamente apriamo il terminale e digitiamo:

adb devices

Sul dispositivo Android comparira’ un messaggio che richiede la conferma di autorizzazione; clicchiamo OK e da computer digitiamo:

adb shell

Come notiamo dall’immagine qui sopra siamo all’interno del terminale Android, adesso per accedere con autenticazione Root occorre scrivere:

su

Adesso vedrete un simbolo # (hashtag) a fianco della scritta [email protected]. Ora non ci resta che accedere alla memoria del dispositivo per eseguire la copia forense.

cd /dev/block/

La memoria che ci interessa analizzare è quella interna di Android, ovvero la mmcblk0. La MicroSD e’ necessaria in quanto servirà come destinazione per l’esportazione della nostra immagine. Non ci resta che eseguire il seguente comando per iniziare il processo di clonazione:

dd if=/dev/block/mmcblk0 of=/dev/block/mmcblk1 bs=4096

Terminata la clonazione avremo sulla nostra MicroSD l’immagine di tutta la memoria interna di Android.

ARTICOLI CORRELATI

Snapchat: App craccate ecco come ti spiano

Snapchat: App craccate ecco come ti spiano

Le app craccate (nel nostro caso Snapchat) scaricabili da internet, sono applicazioni che sono state modificate per aggiungere o togliere delle funzionalità. I Cyber criminali però utilizzano questa scusante per inserirvi all'interno del codice aggiuntivo malevolo....

Trasferire dati da Android ad Android con CLONEit

Trasferire dati da Android ad Android con CLONEit

In questa guida viene mostrato passo-passo come trasferire i propri dati dello smartphone Android ad Android senza utilizzare il computer. Per eseguire questo trasferimento avremo bisogno di una connessione ad internet, ormai utilizzando le applicazioni possiamo...