Seleziona Pagina

Realizzazione siti web

Recupero dati da partizioni NTFS e FAT32 con Foremost

Recupero dati da partizioni NTFS e FAT32 con Foremost

da | 10 Mar 2020 | Guide

In questa guida viene mostrato come recuperare dati cancellati da partizioni Windows (FAT16, FAT32, NTFS)  utilizzando uno strumento di Data Carving chiamato Foremost. Foremost è uno strumento disponibile sui sistemi Linux in grado di recuperare dati cancellati da memorie interne, esterne e chiavette USB. Il software è in grado di recuperare la maggiore parte dei formati di file per computer ad esempio JPG, GIF, PNG, AVI, MPG, MP4, WAV, MOV, PDFDOC ecc… Insomma una grande parte di formati.

FOREMOST LINUX

recuper dati foremost

 

Installazione

Il primo passaggio da effettuare è quello di aprire il terminale e aggiornare i repository digitando

sudo apt-get update

Possiamo ora procedere all’installazione del software

sudo apt-get install foremost

Subito dopo premete il tasto Y per confermare l’installazione del programma
 
 
 
 

Come utilizzarlo

 
Il secondo passaggio è quello di collegare il dispositivo usb.
Se invece dovete recuperare dalla memoria interna occorre procedere al passaggio successivo.
Adesso nel terminale dobbiamo andare a selezionare la partizione da cui dobbiamo recuperare i dati, quindi sempre nel terminale digitate:
 
sudo fdisk -l
 

Sarete davanti a questa schermata:

recupero dati foremost

Come potete notare nella schermata abbiamo davanti tutti i tipi di memorie connesse al computer, e ad ogni memoria c’è assegnato un percorso come potete notare in /dev/sdb1 c’è assegnata la mia chiavetta USB, infatti se leggete la scritta Size corrisponde ai 16gb della chiavetta connessa. Se invece nel vostro caso dovete recuperare i dati dalla memoria interna del vostro computer occorre controllare la capacità del disco in esecuzione. Di solito la memoria interna è sempre tra le prime opzioni come nel caso dell’immagine qui sotto (/dev/sda).

recupero dati foremost

Adesso scrivete il seguente comando:

foremost -h

-h sta a significare help cioè aiuto. Come vedete nell’immagine qui sotto noterete una leggenda su come bisogna utilizzare il programma. E come potete notare vi ho evidenziato con i colori i comandi che andremo ad utilizzare, con la relativa leggenda.

recupero dati foremost

Se volete recuperare tutti i tipi di dati presenti in memoria occorre scrivere questo comando.

foremost -t all -i /dev/sdb1 -v
Dove:
-t  indica il tipo di estensione del file (nel caso sopra ho specificato tutti i file presenti in memoria.); se fossero state solo le foto avrei dovuto inserire -t jpeg.
-i  indica il percorso della partizione della memoria.
-v indica di mostrare sul terminale tutti i file che tenta di recuperare al momento della scansione.
 
 
Se invece volete specificare un salvataggio preciso dei dati recuperati allora bisogna scrivere:
foremost -t all -i /dev/sdb1 -v -o “percorso di destinazione dei file recuperati”
 

Come per esempio se voleste salvare i dati recuperati nella directory “Downloads”:

foremost -t all -i /dev/sdb1 -v -o “/root/Downloads/”
recupero dati foremost

 

 

Adesso premete invio è come potete vedere il software inizierà a recuperare tutti i dati, sia presenti e sia eliminati dalla memoria.

recupero dati foremost

Dopo pochi istanti inzierete a visualizzare i file che state recuperando

recupero dati foremost

E, al termine dell’ operazione (che può richiedere anche a parecchie ore), noterete tutti i dati recuperati nel percorso di destinazione scelto.

WebShake – tecnologia

 

ARTICOLI CORRELATI