Seleziona Pagina

Realizzazione siti web

attività-dei-browser-tracciata

Attività dei browser tracciata

da | 25 Gen 2022 | Guide

Ogni tuo click sul web è tracciato, i sito web che visiti tengono traccia del tuo passaggio.

In che modo l’attività dei browser tracciata? Ci sono 3 aspetti fondamentali che contribuiscono a rendere la nostra navigazione tracciabile:

  • Cookies
  • Domain name service (DNS)
  • Metadati del browser

Come vengono utilizzati i Cookies

Come fanno Google o Amazon a farvi apparire prodotti pubblicitàri altamente in target con le vostre ultime ricerche? Utilizzano i Cookies, ovvero sono file di puro testo inviati da un sito web direttamente nel computer dell’utente che lo visita.
I cookie nascono come strumenti per semplificare la navigazione online (consentendo al sito di ricordare le scelte dell’utente), ma le aziende hanno subito visto grandi potenzialità di guadagno dietro questi meccanismi. Un cookie consente di identificare e riconoscere l’utente o più esattamente il dispositivo tramite il quale l’utente accede a quel sito. 
Il riconoscimento permette di realizzare meccanismi di autenticazione (login), di memorizzare dati utili alla sessione di navigazione (preferenze sull’aspetto grafico, sulla lingua del sito), di associare univocamente dati memorizzati dal server (contenuto del carrello di un sito di acquisti online), di tracciare la navigazione dell’utente a fini statistici o anche pubblicitari (inviandogli pubblicità personalizzata).

Come si pronuncia la legge di fronte a questo scenario? Questo quanto riportato dal regolamento europeo (GDPR):

Le persone fisiche possono essere associate a identificativi online prodotti dai dispositivi, dalle applicazioni, dagli strumenti e dai protocolli utilizzati, quali gli indirizzi IP, a marcatori temporanei (cookies) o a identificativi di altro tipo, come i tag di identificazione a radiofrequenza. Tali identificativi possono lasciare tracce che, in particolare se combinate con identificativi univoci e altre informazioni ricevute dai server, possono essere utilizzate per creare profili delle persone fisiche e identificarle. 

Da qui capiamo che è perfettamente contemplato un comportamento di questo tipo

Domain name service DNS

Il DNS è quel servizio che permette di associare ad un dominio il rispettivo indirizzo IP, ovvero dietro il nome internautablog.it (nostro dominio) vi è un indirizzo pubblico: 104.21.19.156
Questo indirizzo ci permette di contattare il server e poter scambiale le informazioni. Quando noi navighiamo con il nostro browser continuiamo a contattare un servizio DNS che si occupa di tradurre per noi, questo vuol dire che il proprietario di questo servizio sa perfettamente la cronologia della vostra navigazione, sapete di chi è il servizio più utilizzato? 8.8.8.8 vi è famigliare? Ebbene si, google è il proprietario del servizio DNS più utilizato, casualità?

Vedremo in seguito come gestire i DNS e come nascondere il traffico ad essi.

Metadati del Browser

I metadati del browerser o fingerprint sono tutti quei dati che i siti web navigati sono in grado di vedere dal nostro browser come:

  • Risoluzione, profondità dei colori
  • Plugin attivi e le versioni di ognuno di essi
  • Ora corrente e time zone
  • Fingerprint del WebGL
  • Lista dei font presenti nel sistema operativo
  • Lingua corrente
  • Sistema operativo e versione
  • Versione del browser in uso
  • Supporti esterni in uso

In questo articolo >>QUI<< vediamo nel dettaglio come vengono utilizzati e come nascondere queste informazioni

ARTICOLI CORRELATI

Nextcloud in azienda, la soluzione migliore per le PMI

Nextcloud in azienda, la soluzione migliore per le PMI

Perché una collaboration suite nelle pmi? Manager, dipendenti e consulenti collaborano ormai sempre più spesso da remoto, organizzati in team geograficamente distribuiti, questo vale in particolare per le grandi aziende ma, sempre più di frequente, anche per le PMI....